mercoledì 17 aprile 2013

Nella puntata di ieri sera di The Good Wife, la figlia della protagonista Alicia raccontava alla madre di questa sua compagna di scuola che si era appena suicidata e che si tagliava.
Come ha nominato l'argomento, un tremore mi ha percorso la mano e ho sentito la pelle del mio polso prudere.
Ho dovuto stringere i pugni per impedirmi di cominciare a graffiarmi davanti a mio padre, dalla parte opposta del divano.

Alicia ad un certo punto chiede alla figlia perché gli adolescenti si tagliano e Grace risponde che, sebbene lei non lo faccia e non conoscesse la ragazza suicida, probabilmente lo faceva per poi guarire.
Per vedere se stessi guarire e ritornare interi.

Mentre attendevo di addormentarmi ci ho pensato e ho realizzato che per me non è mai stato così.
Avevo (e ho) sì del veleno che volevo espellere, ma io non ho mai voluto guarire.
Non lo voglio nemmeno adesso perché in fondo ad una parte di me piace essere malata, marcia.
Non ho mai voluto la guarigione, non ho mai voluto che quei tagli si richiudessero e che la pelle poi sembrasse intatta, come se niente l'avesse mai scalfita.
Ho sempre voluto le mie ferite aperte, sanguinanti, monito costante di tutto quello che non va in me.

On air: Paramore - Last Hope

Nessun commento:

Posta un commento